L'evoluzione del poker

Quando ti avvicini al tavolo da poker, è facile avvertire la forte sensazione che stai andando a partecipare a un gioco che è ormai un classico, uno standard che ha superato tutti gli esami del tempo. Questo è assolutamente vero, ma non dobbiamo al tempo stesso dimenticare che il gioco è anche cambiato molto nel corso degli anni. L'evoluzione del poker si è basata fortemente sull'evoluzione dei giocatori stessi.

Molti principianti si concentrano eccessivamente sulle carte che hanno in mano, piuttosto che prestare attenzione agli avversari. Ma con l'esperienza, il giocatore comincia a capire che le carte che hanno in mano rappresenta solo un fattore di gioco tra tanti. In realtà, i giocatori di maggior successo sanno che la corretta strategia dipende più da quello che gli avversari hanno in mano che dalle proprie carte. Negli ultimi anni questo tipo di approccio è diventato sempre più diffuso, soprattutto nel mondo del poker televisivo.

In un passato neanche troppo remoto, le strategie per bluffare erano relativamente semplici. Quando un giocatore alzava, gli avversari esitavano molto prima di alzare essi stessi, se non con ottime ragioni. Nelle mani con puntate multiple, i giocatori quasi sicuramente avevano i mano carte molto alte: AA o KK. E tuttavia, con il successo del poker televisivo, e soprattutto con l'introduzione delle piccole telecamere che mostrano le carte coperte, i giocatori hanno cominciato a farsi più audaci.